1. BENVENUTO SU CONSOLE TRIBE

    Benvenuto, stai navigando nella nostra community come ospite

    Avere un account su Console Tribe ti permetterà di creare e partecipare alle discussioni e al mercatino, organizzare tornei e partite online, iniziare conversazioni personali con gli altri giocatori del forum e di utilizzare tutte le funzioni di questo sito.

    Registra il tuo account in meno di 5 secondi, se vuoi puoi sfruttare i login social via Facebook, Google Plus o Twitter.

[Blog] Densità Blu

Discussione in 'Libri, Manga e Fumetti' iniziata da fomento, 31 Maggio 2012.

  1. fomento

    fomento Tribe Active Member

    Registrato:
    31 Ottobre 2007
    Messaggi:
    12.501
    "Mi Piace" ricevuti:
    3.091
    Punteggio:
    1.338
    Località:
    Stella Variabile - Buffalora
    PSN Tag:
    fomento
    Xbox Live Tag:
    raidenfomento
    Umanità paranoica

    Basta non incrociare o scambiare un alito di sguardo con nessuno, camminare con disinvoltura seguendo una direttrice prestabilita e il problema non si dovrebbe porre, spero. Quale problema? Non ne ho idea. Attendo ciondolante cercando di stringermi dentro e diminuire lo spazio occupato: le cose piccole sfuggono facilmente, un soffio di vento e non si è più. Via.
    I bottoni metallici della giacca s’infrangono ad ogni passo, cozzano l’uno sull’altro e producono un suono leggero ma acuto, un tintinnio che penetra risalendo schiena collo orecchie fin nel cervello cervelletto producendo contrazioni muscolo-scheletriche involontarie: sono dei movimenti dimenticati che ritornano inaspettati. Ed ecco, nonostante il rumore di fondo che m'accompagna, quelle coppie di ombre là davanti si sono voltate verso di me. Mi guardano. Io non le guardo. Sforzo la visione periferica e confuse macchie di colore e linee impediscono una corretta valutazione. Inizio a preoccuparmi e so solo che devo fermarmi: sento il bulbo oculare quasi uscire fuori e, magari, credo, non è il caso.
    Chissà cosa penseranno: verranno da me o rimarranno lì ferme a guardarmi? Diranno ma tu guarda quel coso là com'è maldestro e sospetto, sicuramente ha qualcosa che non va o è un colpevole; altrimenti sarebbe tutto diverso. Sì, è sicuro. Riesco a leggere i loro pensieri attraverso lo sguardo immaginato, anche io farei così, quindi sicuramente penseranno quello. Ora aspetteranno un po', i secondi daranno loro fiducia, correggeranno le loro paure, e verranno dritte da me; già me la vedo: è una trappola. Una trappola pronta per me. Sapevano che io sarei uscito, e mi sarei trovato in quel luogo in quel momento, lo sapevano perché mi spiano (ho il corpo pieno di localizzatori). Hanno seguito tutti i miei passi, dal risveglio fino ad ora, sono lì per quello. Non c'è dubbio ormai. Sono colpevole e non posso farci niente ma posso sempre fuggire, iniziare a correre senza mai voltarsi indietro, cercare un luogo più sicuro e scavare nella mia carne alla ricerca di tutti gli impianti che ho. Li estirperò tutti, dal primo all'ultimo. Non avrò più carne e pelle addosso, solo mucchi d'ossa tendini e nervi, ma sarò libero e avrò un profumo diverso; volerò anch'io leggero e fugace come residuo d'una sensazione che già presa si dimentica. Se non dovesse bastare annullerei la mia corporeità: dal basso verso l’alto scarterei la mia presenza sensibile. Scomparirei.
    A meno che non abbia qualche impianto dentro, dentro la testa intendo. Incollato alle mie sinapsi. In quel caso non solo potrebbero seguirmi e rintracciarmi ovunque, ma potrebbero persino essermi: saprebbero tutto di me dal momento stesso in cui verrebbe attivato il meccanismo pensiero; l'atto interiore non si realizzerebbe mai in azione esterna ché verrei sempre anticipato, bloccato. Sarei un processo mancato senza scampo e il mio stesso essere costituirebbe il confine entro il quale sarei intrappolato. Se così fosse sono, di sicuro, in possesso di un sistema informatico di controllo e monitoraggio in tempo reale di un flusso senza fine di dati che permetterebbe loro di prevedere, anzi sapere, tutto ciò che succederà o rimarrebbe nel campo dell'immaginato. Un software garantirebbe loro percentuali minime di errore: credo che il confine fra il realizzabile e il realizzato non sia così netto per tutte le situazioni future; certamente potrebbero limitarsi ad una (Umanità paranoica) indagine del già compiuto e allora lì l'errore scenderebbe allo zero. Nessuno avrebbe più scampo. Lasciate a loro stesse, ormai prive di quella separazione individuale che le ha caratterizzate, le persone entrerebbero a far parte di una rete neurale condivisa di nudi ed esposti pensieri tutt’uguali. Nessuna più umana opera. Ridotti al grado zero gli stadi di pensiero si ritroverebbe sintetizzati in un’eguaglianza massacrante in quanto tutto esisterebbe nella non esistenza dell'esistenza indotta.
    Dato che il non pensiero equivale a pensare il non pensiero, e quindi, comunque, a pensare, e che il non pensiero in quanto tale è estraneo a noi, l'unica soluzione logica (che avrebbe conseguenze anche nell'elaborazione manifesta che ci coinvolge) sarebbe retrocedere ad uno stadio precedente di non logicità: essere pre-logici e lacerare le strutture sintattiche, i rapporti fra significati e significanti; distruggere e ricreare incessantemente nuove forme di pensiero, di linguaggio. Un sistema di caos in cui si annullerebbe il pensiero per eccesso dello stesso. Privi di coscienza diverremmo pre-uomini spersi nel mondo.
    Un mondo non più comprensibile, rotto a seguito del disfacimento della catena pensiero che non determina più l'essere o non il essere. Un rumore bianco come vuoto che acceca.

    Prima illusione
    Dove mi trovo? Non lo ricordo più.
    Non ricordo più chi sono.
    Né perché mi faccio queste domande.
    Né perché...
    Né...
    (Colpo secco)

    Seconda illusione

    Bello spettacolo vero?
    Come sempre.
    Già.

    Terza disillusione
    .
  2. fomento

    fomento Tribe Active Member

    Registrato:
    31 Ottobre 2007
    Messaggi:
    12.501
    "Mi Piace" ricevuti:
    3.091
    Punteggio:
    1.338
    Località:
    Stella Variabile - Buffalora
    PSN Tag:
    fomento
    Xbox Live Tag:
    raidenfomento
    Visto che c'è una sorta di "contest" su Wired, ho rimesso mano ad un vecchio raccontino (che sarebbe quello qua sopra) di un po' di tempo fa. Non servono voti o altro - a decidere sarà una giuria -, segnalo solo per conoscenza. Se vi va di perdere qualche minuto nella lettura mi fa piacere

    http://www.pennematte.it/opera/umanita-paranoica/

Condividi questa Pagina