1. BENVENUTO SU CONSOLE TRIBE

    Benvenuto, stai navigando nella nostra community come ospite

    Avere un account su Console Tribe ti permetterà di creare e partecipare alle discussioni e al mercatino, organizzare tornei e partite online, iniziare conversazioni personali con gli altri giocatori del forum e di utilizzare tutte le funzioni di questo sito.

    Registra il tuo account in meno di 5 secondi, se vuoi puoi sfruttare i login social via Facebook, Google Plus o Twitter.

[Trama] Tomb Raider (Reboot)

Discussione in 'Istruzioni per l'uso fai da te' iniziata da stefano.pet, 1 Giugno 2018.

  1. stefano.pet

    stefano.pet Tribe Member

    Registrato:
    26 Aprile 2018
    Messaggi:
    763
    "Mi Piace" ricevuti:
    255
    Punteggio:
    97
    A breve distanza dall'uscita di Shadow of The Tomb Raider ripercorriamo la storia di questa saga per come è ricominciata con il reboot della serie. Se interessa più avanti potrei mettere anche quella della serie originale, vedremo...

    Lara Croft: biografia
    In occasione del reboot nel 2013 il personaggio di Lara Croft è stato riscritto da capo, sia nel suo aspetto che nella sua biografia. La "nuova" Lara è meno formosa e atletica, più "normale" fisicamente parlando, ma comunque molto attraente. Anche il suo background è molto più profondo rispetto alla Lara originale. Questo per due motivi: l'epoca in cui sono stati scritti (negli anni 90 la donna era vista diversamente rispetto ad oggi, inutile negarlo) e perchè la creatice della nuova Lara è una donna (Rhianna Pratchett) e non un uomo come nella prima versione. La Lara che ne risulta è più umana, una persona che si ritrova trascinata in eventi più grandi di lei con cui ci si riesce a immedesimare, che però ha ancora quella determinazione e quella forza che aveva anche la prima versione e che gli sono fondamentali per uscire dalle situazioni straordinarie in cui si ritrova coinvolta. È una Lara che vediamo crescere nel corso dei giochi (interiormente intendo) e in cui vediamo, col passare del tempo, delle somiglianze con la Lara originale. Ma veniamo alla biografia per come è stata riscritta dalla Pratchett:
    Lara Amelia Croft nasce il 14 febbraio 1992 ad Abbingnton, in Inghilterra. Proviene da una famiglia ricca: il padre è un famoso archeologo, Richard Croft, e alla sua morte (per suicidio) le lascia in eredità la sua villa e la sua immensa collezione di reperti. La madre è sconosciuta. Ha un'istruzione privata a casa fino all'università. Rifiuta Cambridge e decide di iscriversi a un'università meno prestigiosa e di avvicinarsi all'archeologia come lo farebbe una persona qualsiasi, senza i privilegi che comportano le sue ricchezze e la sua famiglia. Finisce gli studi già a 21 anni e si imbarca sulla Endurance, capitanata da Conrad Roth, su cui c'è un equipaggio di archeologi e un documentarista che sono alla ricerca del regno perduto di Yamatai. È su questo incipit che ha inizio la storia del nuovo corso della saga di Tomb raider.
    Ultima modifica: 1 Giugno 2018
  2. stefano.pet

    stefano.pet Tribe Member

    Registrato:
    26 Aprile 2018
    Messaggi:
    763
    "Mi Piace" ricevuti:
    255
    Punteggio:
    97
    Tomb Raider (2013)

    [​IMG]
    Uscito il 5 marzo 2013 per pc, ps3 e xbox360. Successivamente (gennaio 2014) in versione rimasterizzata per Ps4 e Xbox One. È stato il primo gioco della serie a ricevere il rating M (contenuto vietato ai minori) a causa delle scene violente al suo interno e al linguaggio forte utilizzato.

    TRAMA
    L'incipit della storia vede Lara imbarcarsi su una nave con un gruppo di archeologi alla ricerca del perduto regno di Yamatai. È stata la stessa Lara a scoprire su alcuni testi che talr regno è situato in una zona nota come Triangolo del Drago. La zona però è nota per misteriose sparizioni di navi e aerei e la loro nave si ritrova coinvolta in una potente tempesta.
    Il gioco inizia con la nave in balia delle onde e Lara che, svegliatasi di soprassalto, si rende conto che deve mettersi in salvo. La tempesta talmente forte da spezzare la nave in due e Lara riesce soltanto a buttarsi in acqua e a non affondare col resto della nave. Si risveglia da sola su una spiaggia, ma viene subito tramortita da un selvaggio e trascinata via. Si risveglia di nuovo, questa volta in una caverna, appesa a testa in giù. Riesce a liberarsi e si rende conto di essere in un luogo scena di un qualche rituale. Uscendo vede rudimentali abitazioni e sente canti dal tono religioso. Capendo che l'isola è abitata da persone ostili scappa, andando alla ricerca di altri sopravvissuti al naufragio. Dopo un lungo cammino ritrova il suo amico Sam, in compagnia di uomo che lei non conosce di nome Mathias, che si presenta come membro dell'equipaggio. Lara non lo ha mai visto, ma è talmente stravolta che non ci pensa su e accetta il rifugio che i due gli offrono addormentandosi. Al suo risveglio i due non ci sono più e Lara inizia a cercarli. Viene attaccata da un branco di lupi, ma un gruppo di naufraghi la salva: sono Reyes, Jonah, Alex, Grim e Whitman. Il gruppo decide di dividersi un gruppo cerca Sam mentre Lara e Whitman cercano Roth, il capitano della nave. I due vengono però catturati dagli isolani e portati in una specie di villaggio in cui si vedono anche i corpi di altri membri dell'equipaggio. Lara viene presa da un uomo e portata in una stanza in cui lui cerca di violentarla, ma lei riesce a rubare la sua pistola e ad ucciderlo. Ritrova Roth, che è ferito gravemente a una gamba e gli spiega di aver visto una vecchia antenna lì vicino, dalla quale si potrebbe mandare un SOS. Gli dona una piccozza e Lara si arrampica sulla parete rocciosa, poi, facendosi largo nella base degli isolani, arriva all'antenna, vi si arrampica e riesce a mandare il messaggio di aiuto. Però quando arriva l'aereo dei soccorsi si scatena una violenta tempesta che lo abbatte e dalla quale si sente una voce eterea che in giapponese dice "non si scappa". Lara è terrorizzata.
    Gli altri membri del gruppo la contattano via radio dicendogli che Sam è stato portato in un palazzo al centro dell'isola, così Lara si reca subito lì. Una volta arrivata scopre che Mathias è in realtà un isolano e capo della setta dei Solarii: setta che venera Himiko, antica regina di Yamatai. Sam è loro ostaggio. Lara interviene, ma viene catturata e Mathias ne ordina l'ucissione. Prima che ciò possa accadere fa irruzione nella sala un enorme samurai (che scopriremo essere un Oni, particolarmente temuto dai Solarii) che uccide molti membri della setta e cattura Lara, portandola nei sotterranei di una specie di antico monastero. Lara riesce a scappare, nascondendosi alla vista degli Oni e arriva in una stanza dove, tramite degli affreschi, scopre dell'esistenza di un rituale per nominare una succeditrice di Himiko attraverso una prova del fuoco. Viene chiamata da Sam che conferma quello che aveva già intuito: gli isolani stanno preparando un rogo per lei, convinti che sia la nuova regina e che me sarebbe sopravvissuta (in caso di insuccesso a loro non importa niente di un certa morte della ragazza). Lara, nel tentativo di raggiungere l'amica, torna alla baraccopoli, ma cade in una trappola e si salva solo grazie a Grim che si sacrifica per farla proseguire. Roth la aiuta, con un fucile da cecchino, ad attraversare un grande ponte che porta al palazzo dove è tenuta Sam. Appena arrivata al palazzo però viene catturata. Convinta che Sam sia spacciata cerca di consolarla mentre viene messa sul rogo, ma una folata di vento improvviso spegne il fuoco appena acceso dagli isolani che a questo punto sono convinti che il rituale sia andato a buon fine e che Sam sia la nuova regina. Mathias ordina comunque l'uccisione di Lara che riesce a scappare mentre Sam viene portata via, liberando per strada anche gli altri membri della spedizione che erano stati catturati. Lara incontra Whitman, il documentarista della spedizione, che nel frattempo ha instaurato un certo rapporto con gli isolani, che gli permettono di girare libero sull'isola. Grazie al suo aiuto riescono a liberare Sam, ma Whitman viene catturato. Un elicottero, chiamato da Roth, le raggiunge e, mentre Lara sta convincendo il pilota ad andare a recuperare gli altri, un'altra tempesta li fa precipitare. Lara è in fin di vita a causa dell'incidente e viene rianimata da Roth con un massaggio cardiaco. Mentre Lara è ancora incosciente vengono attaccati dai Solarii, ma Roth li respinge tutti perdendo a sua volta la vita. Lara cura le sue ferite e riflette sulla natura delle tempeste convincendosi che è la stessa Himiko a causarle per poteggere l'isola dal mondo esterno.
    Lara raggiunge il resto del gruppo alla spiaggia e li trova intenti a riparare una barca con la quale fuggire dall'isola, ma Lara sa che sarebbe un tentativo inutile se prima non si pone fine al culto. Vengono raggiunti da Whitman che dice di essere scappato. Lara pensa sia in combutta con gli isolani, decide di fidarsi lo stesso. Si reca al relitto della loro nave per cercare dei pezzi di ricambio che occorrono a Reyes per sistemare la barca che sta riparando. Sul relitto trova Alex e viene attaccata dagli isolani. Alex si sacrifica per il bene del gruppo. Sulla strada del ritorno trova il corpo di un samurai morto suicida per Seppuku e sul suo corpo una specie di nota in cui è spiegata l'origine del culto di Himiko: essa, per presrvarsi dalla morte, trasferiva la sua anima nel corpo della sua ancella preferita e quando la sua ancella prescelta si suicidò, in un momento di distrazione del samurai, prima di poter effettuare il trasferimento l'anima di Himiko rimase bloccata nel cadavere dell'ancella precedente. La rabbia di Himiko scatena le tempeste che intrappolato le persone sull'isola così come lei è intrappolata in un cadavere. Lara capisce che Mathias vuole trasferire l'anima in Sam così da placare la sua rabbia e riuscire a lasciare l'isola, ma intuisce anche che ciò non spezzerà questo ciclo e che deve distruggere il corpo di Himiko per mettere fine a questa maledizione. Torna alla spiaggia e si rende conto che ha commesso un errore a fidarsi di Whitman. Infatti lui ha fatto il doppio gioco e imprigionato i compagni di Lara che li libera. Riparano la barca e Lara convince Jonah e Reyes che è inutile provare ad andarsene e che devono tornare al Monastero non solo per salvare Sam, ma anche per spezzare la maledizione. I due portano Lara, seguendo un fiume, a un'entrata secondaria del monastero, ma non l'accompagnano oltre. Lei si fa strada all'interno fino a trovare Mathias insieme a Sam e Whitman. Con una scusa Mathias fa uccidere Whitman da un Oni, poi prende Sam per portarla fino alla cima dello Ziqqurat sacrificale. Lara li segue furtivamente. Lo Ziqqurat è sferzato da venti impetuosi e Lara avanza a fatica, lottando con gli Oni. Riesce a raggiungere e uccidere Mathias per poi arrivare fino al corpo di Himiko. Lo pugnala e libera la sua anima. Immediatamente i venti cessano e Lara torna con Sam da Reyes e Jonah. Insieme lasciano l'isola sulla barca. A seguito di questa storia Lara capisce che non tutto si spiega con la scienza e dedica la sua vita futura alla ricerca di altri fenomeni impsiegabili come questo.
    Ultima modifica: 1 Giugno 2018
  3. stefano.pet

    stefano.pet Tribe Member

    Registrato:
    26 Aprile 2018
    Messaggi:
    763
    "Mi Piace" ricevuti:
    255
    Punteggio:
    97
    Rise of the Tomb Raider (2015/2016) [​IMG]
    Uscito come esclusiva temporale il 10 novembre 2015 per Xbox One e Xbox 360, è stato distribuito anche per Pc il 28 gennaio 2016. La versione Ps4 è arrivata solo ad ottobre 2016.
    A un anno dagli eventi del primo gioco Lara si trova a vivere la situazione in cui si veniva a trovare spesso il padre: essere stato testimone di eventi unici, ma al contempo essere messo in disparte dal mondo accademico ed essere bollato come ciarlatano e folle. Per ridare lustro alla sua immagine a quella del padre decide di continuare una ricerca lasciata incompiuta dal padre stesso e in cui si imbatte quasi per caso: trovare la città perduta di Kitez, fondata dal Profeta immortale di Constantinopoli (ndr: questo è solo uno dei tanti paralleli tra questo Profeta e Gesù, secondo la mia opinione hanno voluto scrivere una loro versione della storia di Gesù e dei templari, ma per ovvi motivi hanno cambiato i nomi). Ana, ex compagna del padre, tenta di dissuadere Lara in quanto rivede nelle azioni della ragazza il percorso che ha fatto il padre e che lo ha portato, alla fine, al suicidio.
    Lara non segue il consiglio e organizza una spedizione in Siria, seguendo una mappa trovata tra gli appunti del padre. Presumibilmente essa dovrebbe portare alla tomba del Profeta stesso. Malgrado il tradimento della sua guida e un attacco in elicottero di una non ancora nota organizzazione Lara riesce (aiutata anche da un pizzico di fortuna) a trovare la tomba, ma la trova vuota. Contemporaneamente arriva anche l'organizzazione, guidata dal suo leader Konstantin, che si rivela essere la Trinità (una sorta di Templari). Essi esistevano già ai tempi del Profeta e si sono trasformati ormai in un'organizzazione paramilitare che, come Lara, è alla ricerca di Kitez per un motivo non ancora noto. Lara riesce a sfuggire nascondendosi nel sarcofago vuoto e rubando a Konstantin il detonatore delle bombe che la Trinità aveva piazzato per distruggere la tomba. Nella fuga vede un simbolo che ha già visto negli appunti di suo padre e che la porta fino in Siberia, dove arriva insieme al suo amico Jonah (lo stesso del primo gioco). Lara ha scoperto che a Kitez il padre era convinto si trovasse anche la Sorgente Divina, un artefatto in grado di donare l'immortalità, ed è proprio questo il motivo di tanto interesse da parte della Trinità. Durante una scalata Lara e Jonah vengono sorpresi da una valanga e si separano. Rimasta sola Lara cerca di sopravvivere come può e cerca segni di civiltà. Si imbatte nella Trinità che la cattura e la porta nella loro base, un ex gulag abbandonato, dove la rinchiude in una cella. Qui ritrova Ana, che si rivela essere una spia della Trinità e sorella di Konstantin, che prima cerca di convinvere Lara con le buone, poi la fa rinchiudere in cella quando la ragazza scopre il uso doppio gioco. Nelle celle Lara conosce Jacob, anche lui prigioniero della Trinità. I due si aiutano a vicenda e riescono ad evadere. Jacob la conduce attraverso le miniere fino al suo villaggio, dove scopre che lui è il capo dei Discendenti: i pronipoti del Profeta e discendenti diretti degli abitanti di Kitez. Qui incontra Sofia, figlia di Jacob, scoprendo che è la stessa ragazza che ha aiutato precedentemente. Jacob comunica che la Trinità è a conoscenza della loro posizione e che bisogna prepararsi a subire un attacco imminente. Lara, consapevole che è lei il motivo grazie al quale i Discendenti sono stati individuati, decide di accantonare momentaneamente la sua ricerca ed aiutare il villaggio ad affrontare nemici meglio armati e più organizzati. Preparandosi apprende di più sulla storia del Profeta: è stato perseguitato dalla Trinità in quanto ritenuto eretico e costretto ad emigrare in Russia con i suoi seguaci. Qui avevano costruito la città che, però, ha sacrificato durante l'attacco di Gengis Kahn per proteggere la Sorgente, facendola finire sepolta sotto un ghiacciaio. Il popolo si è stabilito nella valle sottostante a protezione dei segreti della città. Jacob rivela che la Sorgente è reale, ma non è quello che loro pensano. La Trinità attacca ripetutamente i Discendenti. Lara scopre che Ana è malata e vuole usare la Sorgente per salvarsi la vita. Lara e Jacob decidono di recuperare la sorgente prima della Trinità per proteggerla. Per farlo Lara recupera l'Atlante negli archivi segreti della città: con esso potrà scoprire la via per Kitez. Lara ritrova Jonah, che nel frattempo ha spiato Ana. Loro due e Jacob usano l'Atlante, ma vengono attaccati dalla Trinità. Jonah viene usato per poter ricattare Lara: rapendolo costringono la ragazza a scegliere tra l'amico e la missione. Lara sceglie di salvarlo, ma quando c'è quasi riuscita (di nuovo al Gulag) Konstantin lo pugnala. Lara lo trasporta da Jacob che lo guarisce miracolosamente rivelando la sua vera identità: lui è infatti il Profeta stesso.
    Lara prova ad anticipare la Trinità a Kitez e percorre il Sentiero degli Immortali in cui deve affrontare i guardiani della città, capendo che la Sorgente dona si l'immortalità, ma ti fa perdere la coscienza di te stesso costringendoti a difenderla. I guardiani altri non sono che gli originali abitanti di Kitez. Lara, aiutata dai Discendenti, arriva al Santuario al centro della città dove incontra, affronta e, infine, batte Konstantin che gli rivela che suo padre non si è suicidato, ma è stato ucciso dalla loro organizzazione. Ana raggiunge la Sorgente (un grosso cristallo), ma Lara la anticipa distruggendola e uccidendo, di conseguenza, tutti coloro che erano immortali grazie ad essa, quindi i Guardiani e Jacob. Il Profeta muore serenamente ringraziando Lara per averlo liberato.
    I Discendenti sono ora guidati da Sofia, figlia di Jacob.
    Lara giura di continuare il percorso iniziato dal padre e cercare altri misteri legati all'immortalità insieme a Jonah.

    Dopo i crediti c'è una scena extra
    Lara e Ana stanno lasciando la Russia e Lara accusa Ana di aver ucciso suo padre. Ana risponde che la Trinità gli aveva ordinato l'omicidio, ma lei, ormai innamorata dell'uomo, non era riuscito a portare a termine la missione. Prima di poter rivelare altro viene colpita alla testa da un proiettile sparato da un cecchino, che chiede al suo mandante se deve uccidere anche Lara e riceve come risposta di attendere il momento giusto.
    Ultima modifica: 4 Giugno 2018
  4. stefano.pet

    stefano.pet Tribe Member

    Registrato:
    26 Aprile 2018
    Messaggi:
    763
    "Mi Piace" ricevuti:
    255
    Punteggio:
    97
    In attesa del nuovo capitolo per ora ho finito. Grazie a @LucaS93 per avermi aiutato a ricordare alcune parti della trama del primo gioco.

Condividi questa Pagina