1. BENVENUTO SU CONSOLE TRIBE

    Benvenuto, stai navigando nella nostra community come ospite

    Avere un account su Console Tribe ti permetterà di creare e partecipare alle discussioni e al mercatino, organizzare tornei e partite online, iniziare conversazioni personali con gli altri giocatori del forum e di utilizzare tutte le funzioni di questo sito.

    Registra il tuo account in meno di 5 secondi, se vuoi puoi sfruttare i login social via Facebook, Google Plus o Twitter.

Raid 5

Discussione in 'Computer & Technology' iniziata da ConteZero, 16 Marzo 2005.

  1. ConteZero

    ConteZero Tribe Member

    Registrato:
    16 Marzo 2005
    Messaggi:
    7.682
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    Punteggio:
    36
    Molti di voi avranno sentito parlare del RAID0 o del RAID1, io voglio introdurvi (gentilmente) nel magnifico mondo del RAID5.
    Intanto una notizia choc, il vostro amato Linux/Windows permette di fare il RAID via sistema operativo, non è necessario avere controller aggiuntivi per poter attivare il RAID, Linux supporta il RAID mediante md (googlate md howto per ulteriori info) e windows tramite snap in di amministrazione dischi (nota, su XP home è necessario fare un tweak su alcune librerie per abilitare la feature, l'articolo completo lo trovare su http://www6.tomshardware.com/storage/20041119/ o sul sito italiano di tomshardware).

    E ora spieghiamo tutto in modo più dettagliato in dieci domande che dovrebbero farvi capire di che si parla.

    Domanda numero 1: che differenza DI PRESTAZIONI c'è fra un controller RAID0/RAID1 integrato nella scheda madre (o sul classico controller da 40 euro) e quello software?
    Risposta numero 1: nessuna, ambedue fanno fare il lavoro alla CPU, solo che il controller RAID ha una piccola area di memoria dove tiene i dati relativi alla configurazione delle unità RAID e (spesso) tali unità sono avviabili.

    Domanda numero 2: In cosa RAID5 è migliore di RAID1?
    Risposta numero 2: RAID5 (nel caso che tratteremo) permette di vedere un volume della dimensione di ( Dimensione Dischi x (Numero Dischi - 1) ) assicurando che se un disco QUALSIASI di quelli del volume si guasta i dati NON vanno persi; vuol dire che con SEI hard disk da 200 Gb avete un disco di 1TB e, se vi si brucia un qualsiasi hard disk potete anche fregarvene.

    Domanda numero 3: Perchè RAID5 non è veloce come RAID0?
    Risposta numero 3: Perchè bisogna calcolare dei CRC ad ogni scrittura ed estrarre dei dati ad ogni lettura e questo rallenta DI TANTO un computer (ovviamente a meno di non avere un controller RAID5 hardware, nel caso abbiate 2000 o 3000 euro da "investire").

    Domanda numero 4: Cosa succede se si fulmina un disco?
    Risposta numero 4: Si scollega (a PC spento, a PC acceso sarebbe possibile solo con i dischi SATA ma i driver non supportano ancora l'hotswap) e se ne attacca uno di dimensione uguale o maggiore al precedente, quindi si chiede al sistema operativo di effettuare il "rebuild" del volume (= rigenerare il disco perso), questo permetterà di "rientrare in una condizione di sicurezza" (cioè poter sopportare la rottura di un altro disco).

    Domanda numero 5: I dischi devono essere particolari?
    Risposta numero 5: I dischi devono essere PREFERIBILMENTE tutti uguali, questo perchè la velocità di scrittura/lettura è pari alla velocità di scrittura/lettura del disco più lento; inoltre lo spazio disponibile è pari alla dimensione del disco più piccolo per il numero di dischi meno uno (teoricamente anche meno due o tre se si volessero livelli maggiori di tolleranza ma non copriremo questo caso) per cui usare 3 dischi, uno da 60 e due da 200 Gb porterebbe ad avere un volume RAID5 da 120 Gb, usando tre dischi da 200 Gb invece avremmo 400 Gb.

    Domanda numero 6: I dischi devono essere sullo stesso controller?
    Risposta numero 6: No, essendo linux o windows a effettuare il RAID il livello dell'hardware è astratto, in questo modo è possibile fare il RAID anche fra dischi con interfacce diverse (ATA100-ATA133-SATA-SATA2 e via dicendo), occhio che le performance variano.

    Domanda numero 7: Posso mettere qualche disco sul controller RAID?
    Risposta numero 7: molte schede madri hanno controller RAID integrati e comunque in genere è più facile trovare controller RAID (software) che controller "normali", in quel caso è possibile TRANQUILLAMENTE mettere dei dischi su un controller RAID.

    Domanda numero 8: Ci sono alcune precauzioni speciali ?
    Risposta numero 8: Sì, se usate dischi IDE (anzichè SATA) cercate di mettere solo un hard disk per canale (cioè solo il Master) questo perchè se un disco si rompe nell'elettronica o il filo comincia a "ballare" perdere un disco in RAID5 non vuol dire perdere il volume RAID, perdere DUE dischi contemporaneamente invece probabilmente si.

    Domanda numero 9: TCQ, NCQ e altre feature con nomi fiki, le abilito ?
    Risposta numero 9: In generale sì, accelerare i dischi vuol dire avere performance molto migliori in lettura e scrittura; anche se il collo di bottiglia è la generazione ed il controllo dei CRC avere accessi veloci (e possibilità di fare il buffering) è comunque cosa buona e giusta.

    Domanda numero 10: Quale chipset/processore/piastra è meglio ?
    Risposta numero 10: Essendo sia CPU che I/O intensive l'uso del RAID5 richiede computer potenti, in ogni caso ci tengo a far notare che un chipset vale l'altro (VIA e la sua latenza a parte), nota a parte và fatta per gli AMD64, questi processori QUANDO VANNO A 64 BIT REALI hanno un aumento tremendo delle capacità di calcolo sugli interi (e RAID5 è basato su di esse) quindi ha un senso cercare di usare CPU e sistemi operativi a 64 bit.
  2. GhiruX

    GhiruX Tribe Member

    Registrato:
    24 Gennaio 2005
    Messaggi:
    8.284
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    36
    Località:
    Daytona Beach
    ho un controller raid su pci, 2 canali.
    (aralion ultimaraid 133)
    l'ho preso dato che la mb ha solo 2 canli ide (e avevo 7 periferiche da collegare)
    tutto ok, tranne per il fatto che a random il pc si freeza per 7 / 8 secondi, tutto si blocca per poi ritornare allo stato normale. (capita 5 o 6 volte a settimana)
    in eventi arriva sto errore:
    La periferica \Device\Scsi\UltimaRX1 non ha risposto entro il tempo di attesa.
    e questo avviso:
    Errore nella periferica \Device\Harddisk4\D durante un'operazione di paging.
    arrivano come i chips, sempre assieme :D
    è spesso il disco 4, ma a volte capita anche sugli altri.
    ho tolto il disco di sistema dal raid e l'ho collegato alla mb diretta, e il problema è diminuito parecchio, ma non è sparito del tutto.
    uso il controller solo come tale, non abilito nessun raid.
    aggiornato il firm della mb (dovevo comunque farlo), i driver del controller, nessun cambiamento.
    mb asus k8n-e deluxe, amd athlon64 2800+, xpsp2
  3. ConteZero

    ConteZero Tribe Member

    Registrato:
    16 Marzo 2005
    Messaggi:
    7.682
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    Punteggio:
    36
    Cambia l'alimentatore...
    Un disco non riceve abbastanza potenza in un momento in cui gli viene chiesto di fare un operazione ha uno di questi possibili problemi:
    1. l'elettronica subisce un abbassamento di tensione d'esercizio e si autoresetta (col disco in movimento, urgh) - di solito legato ad una bassa potenza sulla linea dei 5V.
    2. il motore che tiene in rotazione il disco non riceve abbastanza corrente e quindi il disco gira più lentamente, la testina non riesce quindi ad accedere ai dati - di solito legato ad una bassa potenza sulla linea dei 12V.
    Nel primo caso in genere si stressa il controller IDE che si vede "sparire" e "riapparire" l'hard disk, potrebbe portare ad una prematura dipartita dell'elettronica; la condizione si riconosce perchè il disco dopo uno "stop" del genere ripete TUTTA l'operazione di avvio (con i vari rumorini tipici che emette quando si accende il computer).
    Nel secondo caso il problema è meno grave se la potenza è di poco inferiore, di solito si ha semplicemente una ricalibrazione ed il disco rientra a regime dopo poco, il problema è se il deficit di potenza è grosso; in alcuni casi (che ho visto) le testine (che sono "sospese" sul disco da un cuscinetto d'aria provocato proprio dal moto rotazionale dei dischi) "cascano" sui dischi rigandoli e provocando settori danneggiati e "starando" il braccio della testina, rendendo il disco inutilizzabile dall'oggi al domani; si riconosce perchè i rumori di ricalibrazione sono pochi e in genere ripetuti, si può anche osservare, a volte, una specie di rumore "d'accelerazione" dei dischi interni, che tentano di tornare a regime.
    Mi è capitata sia la prima che la seconda molte volte (quando avevo un alimentatore da soli 300W), purtroppo gli alimentatori attuali non sono fatti per reggere questo carico di lavoro.
    L'altra possibile alternativa è un possibile freeze dovuto a una deriva termica ma è rarissimo (e comunque se hai sette dischi do per scontato che li tieni ben raffreddati).
    In ogni caso comunque è sintomatico di uno stress degli hard disk che potrebbe anche portare a guai più seri...
    Il perchè è diminuito quando hai tolto il RAID è un altro segno che ci porta alla conclusione della poca potenza dell'alimentatore; in RAID letture e scritture sono eseguite contemporaneamente su tutti i dischi il che produce momenti di sforzo non indifferenti all'alimentatore che potrebbe non riuscire a supplire la potenza richiesta.

    Nel mio caso ho un alimentatore discretamente potente della Devil (anche se esce come 300W), ti posto i power rating così fai 2 veloci paragoni (i dati sono nell'adesivo dell'alimentatore stesso):
    +3.3V -> 14A
    +5V -> 30A
    +12V -> 13A
    -5V -> 0.5A
    -12V -> 0.8A
    +5VSB -> 2A

    Mentre questo è un altro alimentatore "marcato" come 550W:
    +3.3V -> 28A
    +5V -> 25A
    +12V -> 20A
    -5V -> 1A
    -12V -> 1A
    +5VSB -> 2A

    Sono ambedue buoni anche se il 300W della Devil sembra reggere meglio un grosso numero di hard disk (probabilmente a causa del maggior amperaggio sulla linea +5V).
    Tieni conto che le linee d'alimentazione che vanno agli hard disk sono la +5V (cavo rosso) e la +12V (cavo giallo).

    Spero ti sia utile. Ciao!
  4. GhiruX

    GhiruX Tribe Member

    Registrato:
    24 Gennaio 2005
    Messaggi:
    8.284
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    36
    Località:
    Daytona Beach
    quello che ho ora è da 360 W chieftec (preso assieme al case)
    dati:
    +3.3V -> 28A
    +5V -> 35A (ho controllato, è proprio 35)
    +12V -> 17A
    -5V -> 0.3A
    -12V -> 0.8A
    +5VSB -> 2A

    comunque il problema si è presentato da quando ho cambiato mb cpu e ram, e ho aggiunto il controller ide su pci.
    in realtà non ho 7 hd, ma 4 hd e 3 atapi.
    + 4 ventole 80x80 e quella della cpu.
    qualche giorno fa ho preso un sata per usarlo come disco di sistema.
    al momento del freeze non sento rumori di "reset" della periferica, quindi potrebbe essere il secondo caso.
  5. ConteZero

    ConteZero Tribe Member

    Registrato:
    16 Marzo 2005
    Messaggi:
    7.682
    "Mi Piace" ricevuti:
    1
    Punteggio:
    36
    Per non far degenerare la discussione (e tenere comunque aperto un discorso molto interessante) la discussione sugli alimentatori è seguita sul thread apposito.
    Buona continuazione!
  6. GhiruX

    GhiruX Tribe Member

    Registrato:
    24 Gennaio 2005
    Messaggi:
    8.284
    "Mi Piace" ricevuti:
    0
    Punteggio:
    36
    Località:
    Daytona Beach
    dopo un accurato periodo di testing, posso dire di aver risolto il problema.
    era lo slot pci del controller raid che non andava bene, la mb lo condivideva col il sata (ROTFL).
    vabbè ora col 650 W va tutto a meraviglia...

Condividi questa Pagina